CPanel

Giustizia per tutti

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il genitore che non provvede al mantenimento dei figli perché è malato, va assolto.

|

Con la sentenza n. 22798 dell’08/06/2011 la Corte di Cassazione, sezione penale,  ha stabilito che il genitore che non adempie al suo obbligo di mantenimento nei confronti della figlia perché la chemioterapia gli impedisce di lavorare non può essere condannato, e dunque va assolto. Una conclusione condivisibile e ragionevole con la quale la sesta sezione penale della Corte di Cassazione ha annullato con rinvio la condanna a qualche mese di reclusione (pena non meglio specificata in sentenza) e 200 euro di multa nei confronti di un padre genovese inadempiente rispetto all'obbligo di mantenimento nei confronti della figlia.

Leggi tutto...
 

Il provvedimento sulla divisione delle spese per i figli è titolo esecutivo!

|

Con un’importante sentenza i giudici della Cassazione hanno stabilito che il provvedimento col quale, durante un giudizio di separazione – non importa se consensuale o giudiziale, ovvero se provvisorio o definitivo, oppure se presidenziale – viene prevista la ripartizione tra i coniugi delle spese ordinarie, scolastiche e mediche, costituisce titolo esecutivo e non richiede, ai fini dell’esecuzione forzata per il caso di inottemperanza del genitore obbligato, un ulteriore intervento del giudice.

Leggi tutto...
 

Salute e diritto alla privacy: il Garante “dalla parte del paziente”

|

Il rapporto tra salute e diritto alla privacy è stato di recente oggetto di un intervento del Garante della Privacy. Si tratta di un vademecum di facile consultazione, che stabilisce specifiche regole per il trattamento dei dati personali dei pazienti e del personale sanitario all’interno di strutture, studi medici, ospedali, farmacie e a qualunque altro luogo di analisi o cura. Perché è vero che ogni giorno, per diversi motivi, molti cittadini entrano in contatto con medici e strutture sanitarie, ma soltanto pochi sono ben informati in ordine alle modalità di garanzia del diritto alla riservatezza ed al rispetto della dignità personale.

Leggi tutto...
 

E' ora che l'uomo diventi il migliore amico del cane!

|

Forse non tutti sanno che con la Legge 4 novembre 2010, n. 201, di ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, fatta a Strasburgo il 13 novembre 1987, il legislatore ha previsto pene più dure per talune fattispecie di reati a tutela del sentimento per gli animali. L’abbandono del proprio cane, ad esempio, ai sensi dell’art. 727 del c.p., è punibile con l’arresto fino ad un anno o l’ammenda da 1.000,00 a 10.000,00 euro.

Leggi tutto...
 

Irregolarità nei confronti dei risparmiatori? Paga la banca.

|

La Corte di cassazione, con la sentenza del 16 maggio 2011, n. 10748, ha ribadito la responsabilità della Banca per gli investimenti rischiosi proposti dai suoi venditori ai clienti, in ossequio ai principi della trasparenza e della correttezza nei rapporti con la clientela. Con detta sentenza, infatti, il Supremo Collegio ha respinto il ricorso di due impiegati, che, in qualità di venditori di un noto istituto di credito, avevano proposto ai clienti, in sede di negoziazione di titoli, valorizzazioni elaborate personalmente e non il linea con le quotazioni di mercato, senza avvalersi dei dati risultanti dal sistema informatico della banca e senza rappresentare il rischio relativo alle operazioni aperte.

Leggi tutto...
 
Pagina 5 di 5
banavv

Newsletter

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Diritto di Famiglia

Diritto Civile

Diritto Civile

.

Diritto dei Consumatori

Diritto dei Consumatori

.

Diritto Penale

Diritto Penale

.

Sottoscrivi Feed

Abbonati Gratuitamente ai nostri Feed RSS


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email