CPanel

Giustizia per tutti

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

AFFIDAMENTO E MANTENIMENTO DEI FIGLI

|

AFFIDAMENTO E MANTENIMENTO DEI FIGLI. 
In virtù della legge n. 54/2006,  il Giudice che pronuncia la separazione o il divorzio deve valutare prioritariamente  la possibilità che i figli minori restino affidati ad entrambi i genitori. In questo caso si parla di affidamento congiunto nel quale la potestà genitoriale è di entrambi i genitori che in caso di disaccordo si rivolgeranno al Giudice.

Leggi tutto...
 

IL DIVORZIO

|

La legge prevede che il matrimonio si scioglie con la morte di uno dei coniugi e con il divorzio (art. 149 c.c.).
La legge sul divorzio (L. 898/1970 e successive modifiche) prevede (all’art. 3) che uno dei coniugi può chiedere lo scioglimento del matrimonio o la cessazione degli effetti civili del matrimonio celebrato con rito religioso, nei seguenti casi:

Leggi tutto...
 

Se gli ex coniugi litigano i figli possono essere affidati al Comune.

|

La cassazione si è di recente pronunciata , con la sentenza n. 14042/08, nel senso innanzi evidenziato.Nel caso di specie la Corte ha confermato la decisione della Corte di Appello che, di fronte all'eccessiva litigiosità degli ex coniugi - che chiedevano entrambi l'affidamento esclusivo dei figli -  aveva disposto l'affidamento al Comune di entrambi. E ciò aderendo alla  relazione del perito di ufficio che aveva auspicato l'allontamento dei figli da entrambi i genitori in quanto estremamente litigiosi. 

 

La Separazione dei coniugi.

|

Quando si verificano fatti che rendono intollerabile la prosecuzione della convivenza ciascuno dei coniugi può rivolgersi all’Autorità Giudiziaria per richiedere la separazione.

La separazione personale  dei coniugi può essere “giudiziale” (ovvero contenziosa) o “consensuale”.

Leggi tutto...
 

ABBANDONO TETTO CONIUGALE

La Cassazione  ha di recente statuito,  con sentenza del 5 febbraio 2008 n. 2740, che l’abbandono del tetto coniugale senza il consenso dell’altro coniuge  non è di per sè   motivo di addebito della separazione  se è  determinato dal comportamento dell’altro coniuge o  dalla intollerabilità della prosecuzione della convivenza.

 
Pagina 6 di 6
banavv

Newsletter

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Diritto di Famiglia

Diritto Civile

Diritto Civile

.

Diritto dei Consumatori

Diritto dei Consumatori

.

Diritto Penale

Diritto Penale

.

Sottoscrivi Feed

Abbonati Gratuitamente ai nostri Feed RSS


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email